alt="colouring"

Colouring: colorare contro lo stress

Da piccola erano greche e cornicette. Poi si coloravano i disegni scaricati da internet . Poi i disegni si fecero più articolati ed arrivarono i mandala.ora si chiama colouring (u.k.o coloring in u.s).

L’ arte del Colouring come attività antistress sta riscontrando un successo sempre maggiore.

Non più semplici disegni scaricabili dal web ma veri e propri libri  per adulti con magnifiche illustrazioni da colorare (colouring books). Tanto che titoli come Secret Garden e Creative cast coloring books hanno occupato le prime 5 posizioni dei best seller.

Magici mandala o disegni ritmici con meravigliosi motivi geometrici o ghirigori che migliorerebbero non solo la capacità d’attenzione ma anche l’ umore.

Come facevamo da bambini quando passavamo anche ore intere ad impugnare pastelli a cera, pennarelli o matite colorate , i colouring books permettono anche agli adulti di riavvicinarsi alla tecnica che offrirebbe (secondo accreditati studiosi) molteplici benefici psicologici. Lo stesso  psicoanalista Jung utilizzava  i mandala come strumento psicologico molto potente, di scoperta del Sé e della personalità nella sua interezza .

Non è richiesto un grande talento ma solo la libertà di esprimersi attraverso i colori. Proprio per questo motivo il colouring è adatto a tutti.

alt="colouring"

alt="colouring"

Colouring book

Attenzione però non è un’ attività creativa. E’ un’ attività guidata, con determinate richieste. “Colorare dentro i bordi”, “Riempire tutti gli spazi”è tutt’altro che creare. Non confondiamo quindi il colouring con l’arte terapia.

E se ancora non vi ho convinto a riprendere in mano le matite colorate, ecco alcuni dei suoi benefici :

  • favorisce la concentrazione e di abilità cognitive
  • aiuta a ridurre lo stress
  • concilia uno stato mentale libero, distogliendo dalle preoccupazioni
  • riduce ansia e malumore in modo significativo
  • colorare in compagnia attiva una serie di meccanismi positivi dati dallo stare insieme e condividere con gli altri ( se tra fratelli ci sono liti e discussioni o i vostri figli sono in età pre adolescenziale è un’ottima attività!)

Last but not least. Se il colouring vi ha conquistato, vi lascio una chicca deliziosa: la linea Art&Colour di EasyLife . 

alt="colouring"

Art&colour EasyLife

alt="colouring"

Art&colour EasyLife

alt="colouring"

Art&Colour EasyLife

 

alt="colouring" alt="colouring"

STAY ROCK & COLOUR

Post realizzato in collaborazione con EasyLife

Crostata al grano saraceno, pesche e mandorle

In questo periodo le mie batterie sono scariche. Gli impegni si accumulano tutti nell’arco delle 24h, la testa ormai è in modalità VACANZA e caldo e zanzare arrivano a peggiorare la situazione. Non so voi ma il caldo mi distrugge! Mi manca il mio adorato Autunno, con la sua aria pungente ed il piumone sul letto. Mi dico “Resilienza! Passerà ”

Certo che se il caldo fosse accompagnato da una fresca brezza, un mare cristallino e un cocktail ghiacciato…bè , attendere l’arrivo dell’autunno sarebbe più tollerante.

Eccomi allora a sfornare torte. Sfornare mi rilassa e sudare per il forno acceso, di sicuro, vale più la pena che sudare nel non far nulla.

INGREDIENTI:

  • 100 gr burro a temperatura ambiente
  • farina di grano saraceno/ integrale ( circa 250 gr ma andate ad occhio finché il composto risulta omogeneo; il grano saraceno rende l’impasto più friabile rispetto alla farina integrale)
  • 2 uova
  • estratto di vaniglia
  • 70 gr zucchero
  • 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
  • 1 cucchiaino di latte
  • un pizzico di sale

RIPIENO

  • pesche 3/4
  • una manciata di mandorle ( vi ricordate quanto fanno bene alla nostra pelle?)
  • 4 cucchiai di sciroppo d’acero
  • Semi di cardamomo

Spegnete il bicarbonato di sodio con il latte poi aggiungetelo alle uova, al burro, alla vaniglia, allo zucchero ed al sale. Impastate ed aggiungete un po’ alla volta la farina finché l’impasto avrà una consistenza omogenea. Chiudete nella pellicola e fatelo riposare in frigorifero per mezz’ora.

Crostata al grano saraceno

Lavate e tagliate a spicchi le pesche e conditele con lo sciroppo d’acero, il cardamomo e le mandorle ( già così potrebbero essere una golosa macedonia estiva! )

Crostata al grano saraceno

Accendete il forno a 160 gradi.

Stendete l’ impasto in una tortiera ( se avete usato il grano saraceno l’ impasto risult più friabile), bucherellate il fondo con una forchetta e coprite con le pesche e le mandorle.

Con l’impasto avanzato create delle decorazioni.

Infornate per 40 minuti.

Servite con una pallina di gelato alla vaniglia e godetevi la frescura.

Crostata al grano saraceno

STAY ROCK & HOT 🔥🔥🔥

 

Crumble di ciliegie, cocco e vaniglia: delle ciliegie non si butta niente

Giugno. L’ estate non è ancora arrivata, da calendario intendo. Ma tutto attorno a noi ha preso il profumo e l’aroma della stagione più desiderata dell’anno.

{L’ estate non è però tra le mie stagioni preferite. Io opto di gran lunga per l’autunno. Con i suoi colori caldi, con le serate fresche e i focolari accesi. Ma come non potrei amare i prodotti che l’estate offre. Fra tutti le ciliegie.

Le ciliegie mi riportano alla mente sapori lontani. Lontani nel tempo. Casa mia ha sempre avuto un grande ciliegio. Un ciliegio ricco di frutti polposi d’ estate, dalle ricche fronde verdi nelle altre stagioni. E si aspettava con grande emozione il giorno in cui il nonno ci avrebbe chiamato per la raccolta. Bisognava attendere il momento giusto. Quello in cui i frutti sono rossi, turgidi e zuccherini. Ma bisognava giocare di contrattacco prima che gli uccellini arrivassero a privarcene}

Tra i frutti rossi che la stagione ci regala, le ciliegie sono le mie preferite.

 

 

La scorsa settimana ne ho raccolte un cesto pieno. Ho messo al lavoro i bambini che hanno denocciolato parte del bottino ( ricordatevi che delle ciliegie non si butta via niente! leggete qui i consigli di Lisa Casali). E preparato un goloso crumble di ciliegie. Totally approved! Ossia approvato all’ unanimità!

ciliegie2

INGREDIENTI ( per una pirofila di 25 cm):

  • 600 gr ciliegie
  • 60 gr farina di cocco
  • 140 gr farina 00
  • 125 gr burro
  • 125 gr zucchero
  • 1 cucchiaio di cannella
  • i semini di 2 o 3 bacche di cardamomo
  • i semini di 1 bacca di vaniglia ( oppure 1 cucchiaino d’estratto di vaniglia ma io, in questa ricetta preferisco vedere i semini neri ed odorosi della bacca)

Tagliare il burro a pezzetti e riporlo nel freezer per circa mezz’ora. Nel frattempo denocciolate le ciliegie. Ungete una teglia ( o dei pirottini) in ceramica con del burro ed adagiate le ciliegie sul fondo. Cospargetele con della cannella.
In un robot da cucina inserite tutti gli ingredienti restanti: farina 00, farina di cocco, il burro ghiacciato ( importantissimo che sia ghiacciato), i semi di vaniglia ed i semi del cardamomo. Azionate il mixer per circa 2 minuti. Dovrà risultare un composto sabbioso con cui andrete a ricoprire le ciliegie.
Infornate a 200° gradi per circa 40 minuti. Controllate che il crumble sia dorato in superficie.

crumble1

crumble2

Gustatelo tiepido.
Con una pallina di gelato alla vaniglia è il non plus ultra.
Ma che ve lo dico a fà!

crumble3JPG

STAY ROCK & AUTUMN ‘LL COME BACK

Se questa ricetta vi ha ingolosito

lasciate un like o un commento qui sotto

oppure condividetela con i vostri amici sui principali social network

Il segreto beauty delle mandorle

La frutta secca è una delle mie passioni. E’ versatile e gustosa (avete mai provato il latte di mandorle rosa?).  Io la aggiungo ad ogni piatto: negli smoothies, nelle insalate, sulla pasta, nelle salse, … Ed oltre ad avere dei sapori favolosi, la frutta secca fa anche benissimo al nostro corpo.

Molti infatti pensano alla frutta secca con diffidenza poiché contiene un alto contenuto di grassi. Ma i grassi contenuti nella frutta secca sono i cosiddetti “grassi buoni“. Contengono inoltre una grande quantità di proteine vegetali, vitamine e sali minerali. Per un approfondimento nutrizionale vi rimando a questo sito, ecco cosa succede al nostro corpo se mangiamo ogni giorno 30 grammi di mandorle.

Ma se ormai è risaputo quanto faccia bene la frutta secca per le sue proprietà nutrizionali, forse, tanti non conoscono ancora le sue proprietà beauty.

La frutta secca, ho scoperto, è un toccasana per purificare la pelle, rinforzare le unghie e avere capelli lucidi e forti. La vitamina E di cui sono ricchissime le noci, le mandorle, e gli anacardi… contribuiscono a rendere più luminosa la nostra pelle.

Inoltre hanno un alto contenuto di calcio che è indispensabile per la salute e la bellezza dei nostri denti ( e ossa).

L’ unico consiglio è acquistarla al naturale, ossia senza aggiunta si sale e tostature.

Vi scrivo la ricetta per un ottimo burro di mandorla che potrete spalmare su toast a base di frutta, aggiungere ad un gustoso smoothies o, perché no, mangiare a cucchiaiate!

burrodimandorle

INGREDIENTI (per un vasetto piccolo)

  • 200 gr mandorle
  • un pizzico di sale

Tostare le mandorle in forno a 200° per 10 minuti. Lasciarle raffreddare e inserirle in un robot da cucina molto potente ( io ho usato il Bimby). Salare ed azionare il robot per una decina di minuti fermandolo di tanto in tanto per rimestare le mandorle che si attaccano alla parete della ciotola. Il composto dovrà risultare cremoso.

Conservare in un barattolo a chiusura ermetica per circa una settimana.

toastburrodimandorle

STAY ROCK & BEAUTY

 Condividi questa ricetta con gli amici

sui tuoi social preferiti

e lascia un commento o un like qui sotto se ti è piaciuta!

I fantastici 5 di Maggio

Nulla di preoccupante. Chi non cambia è perduto. E’ solo un cambio nome ma di fatto i 5 vorrei si sono trasformati nei Fantastici 5. (Solo perché non vorrei mi sembrava un pò troppo pretenzioso).

Comunque i fantastici di Maggio riguardano l’ estate ritrovata . Estate che, forse, ha preso il via! Ecco a voi 5 fantastiche idee, scovate nel web, che non potranno mancare a casa mia quest’estate per affrontare i primi caldi.

“C’era una volta una donna che aveva una casa tutta di scarpe…”

Se vi riconoscete, anche voi come me, in questa frase allora non potete non passare a guardare questo sito e leggervi il continuo della storia.

Io, le mie le ho già scelte…

madamecosette

Madame Cosette

  • Eau de raisin 100%uva bio di  Caudalie

Di questo brand e di quanto sia eco – sostenibile ve ne ho già parlato qui.  Ma ancora non vi ho parlato di quanto abbia trovato fantastica questa’ acqua.

Punto uno. Rinfresca e idrata la pelle donando un senso di frescura immediato.

Punto due. E’ adatta alle pelli sensibili e ha un potere lenitivo.

Punto tre. Non contiene conservanti, parabeni e non fa test sugli animali. Sempre in borsa con me!

caudalie

Caudalie

  • l’ Estrattore

Se già non lo avete in casa, mi sa che è proprio il momento giusto per pensare ad acquistarlo. L’ estrattore è un elettrodomestico utilissimo per estratte succhi e latte dalla frutta e dalla verdura.

Consigliatissimo se i vostri figli non amano pelare, sbucciare e mangiare frutta e verdura ma anche se volete assaggiare combinazioni di estratti di frutta e verdura fresca.

Ormai lo potete trovare ovunque, sia online sia in qualsiasi negozio di elettrodomestici. Il mio consiglio è di non acquistare il meno caro pensando di risparmiare ed avere un buon prodotto. Se è il vostro primo estrattore rimanete sui 100€ di spesa. Se invece già fate parte del popolo dell’estratto investire in un Hurom credo sia il non plus ultra.

hurom

Hurom

Questo brand offre una selezione oggetti creati artigianalmente da tuto il mondo. Dalle vibranti gonne indiane, ai caftani marocchini, dalle borse colombiane tessute dalle popolazioni indigene a questi meravigliosi  orecchini thailandesi.

orecchini

Folkloore

 

  • Acque aromatizzate

Contro la calura e l’afa i medici consigliano di bere molta acqua. L’ acqua detox, o acqua aromatizzata, è una bevanda idratante e ricca di vitamine ma anche un’ ottima alternativa per bere non solo di più ma anche meglio.Inoltre aiuta a depurarsi dalle scorie e dalle tossine che il freddo ci ha lasciato.

Date un’occhiata qui per scoprire alcuni abbinamenti collaudati di frutta e verdura.

acquadetox

Ph. Pinterest

Breve guida pratica per sopravvivere ai gruppi WhatsApp

Siamo nel pieno dell’ era tecnologia. Tanti passi sono stati fatti e chissà quanti ancora se ne dovranno fare ( decidete voi se poi sono passi in avanti oppure no).

Negli ultimi decenni siamo stati travolti da una continua serie di novità tecnologiche che ci hanno senza giri di parole sommersi in una marea di termini, procedure e istruzioni che dovrebbero risolverci la vita. O perlomeno rendercela più facile.

Il fatto è, e parlo della mia generazione, che nessuno ci ha mai istruito all’ uso di questi super fantasmagorici strumenti. Più o meno, intendo in modo più o meno deduttivo, tutti ci siamo arrivati. Tutti, chi prima, chi poi, ne fanno uso.

Ma quanto ne sappiamo veramente?
E sappiamo educare i nostri figli ad un uso intelligente e considerato di questi mezzi al fine che possano realmente agevolare la caotica vita quotidiana piuttosto che complicarcela?
Educare i nostri figli?
Ma a noi chi ci insegna?

Ecco, ai primogeniti sta tutto sul groppone, il duro lavoro dell’apripista …

E poi basta una sola sera, dove WhatsApp s’ inceppa per creare ansie, arrabbiature e titoloni in prima pagina ( io sono tra coloro che manco se ne sono accorti).

Sulla tecnologia, web e social network si potrebbe andar avanti a discutere a ruota libera. Senza giungere a conclusione tra l’altro. Quindi vengo al dunque.
Ecco qui di seguito i miei escamotage per sopravvivere ai gruppi WhatsApp.

  • Decluttering. Come insegna Marie Kondo nel suo libro ‘Il magico potere del riordino’ bisogna buttare ciò che non è necessario (serviva davvero un libro per arrivarci???). Eliminiamo, anzi abbandoniamo tutti quei gruppi che riteniamo non esserci utili. Una volta finii in un gruppo di prodotti venduti porta a porta. Non ero interessata al prodotto, salutai, ringraziai e abbandonai. ( Ricordarsi la gentilezza e le buone maniere anche nei social non è cosa da poco; se vuoi essere ribelle, sii gentile!).
  • Silenziare. È lo strumento più utile di WhatsApp . Silenziare le chat nel rispetto dei nostri padiglioni uditivi e di quelli di chi ci sta attorno. Io appena entro in un gruppo silenzio immediatamente per 1 anno intero.
    Scegliere e decidere quando dedicarsi alla lettura dei messaggi in un paio di momenti al giorno . Ricordiamo che siamo noi a gestire WhatsApp e non il contrario. Scegliere il momento giusto per ‘dedicarsi’ é una delle libertà che ci rimane, teniamocela stretta. Il rischio, sappiatelo, è di spaventarsi guardando la notifica con centinaia di messaggi ma vi assicuro che gran parte saranno solo emoji .Io, in genere, leggo i messaggi dei gruppi prima di andare a letto. E se qualcuno dovesse avere l’urgenza di sentirmi che mi chiami pure (o mi mandi un messaggio privato).

Rimangono solo i gruppi utili. Ora, non sta a me istruire sull’ utilizzo. Ma vi scrivo come io mi comporto per sopravvivere a discussioni di gruppo.

  1. Sempre meglio evitare discussioni scritte. Per la serie ‘scripta manent, verba volant’. Ricordiamoci che in un gruppo tutti leggono, tutti pensano, qualcuno sparla.
  2. Attenzione! Su WhatsApp anche verba manent .Quindi evitiamo discussione vocali. Ohh, sui messaggi vocali avrei da dirne! Se ti scrivo un messaggio é proprio perché non posso parlare ( o ascoltare!) Io, comunque , sono per il confronto reale, magari davanti a un buon tè con gli scones…
  3. WhatsApp serve per comunicare? Bene comunico l’ informazione e stop. Non tiriamola per le lunghe, c’è una vita là fuori. Io sono per la praticità. Se voglio esprimere un concetto lo scrivo in 1 messaggio (non troppo lungo), non in 10 messaggi a singhiozzo. Evviva la sintesi e la praticità!
  4. Devo organizzare una festa/cena ? Bene! Creo il gruppo. Organizzo. E lo elimino.

Questo è il mio kit di sopravvivenza ma se avete altri consigli e/o escamotage da aggiungere sono sempre ben accetti. Lasciatemi un commento qui sotto e sarò lieta di aggiungerli alla lista.

Se siete madri (o padri) di figli alle prese con la scuola primaria provate a leggere questo divertente post di Your Education e vedete un pò se vi riconoscete o riconoscete qualche altra mamma.
STAY ROCK & EASY 💚💙💛

In vino veritas. Storie di famiglie e di una sangria bianca

Diciamo la verità! La vita senza del buon vino non sarebbe rock!

Il primo ricordo che ho del vino risale a mio nonno. A lui piaceva il vino rosso, rigorosamente rosso, quel rosso così scuro e pregno che anche una sola goccia bastava a rovinare il bianco candido del corredo ricamato della nonna.

Oggi però non vi racconto la mia verità. Ma la verità della famiglia Maule. Iniziando dalla storia di Nonno Iseldo e Nonna Lieta. Dai loro racconti di vita, d’esperienza e di vino. Da questa esperienza nasce l’idea di riproporre l’ Ancestrale Col Fondo o come diceva nonno Iseldo “Vin Turbio”, un vino non vecchio ma vintage.

La storia di cui vi sto parlando è il frutto di un progetto familiare, che ha potuto realizzarsi grazie alla collaborazione di una solida famiglia. Mi sembra di immaginarli, la famiglia al completo seduta ad un tavolo apparecchiato con semplicità e maestria, ricco di prelibatezze del luogo accompagnate da brocche d’acqua fresca e bottiglie di buon vino.

Ecco la famiglia Maule seduta a raccontarsi ed a raccontare.

E solo dal dialogo possono nascere progetti ed idee dal sapore vivace ed equilibrato. Proprio come l’ Iseldo Ancestrale col fondo.

Questa immagine di famiglia mi ha ispirato la ricetta della sangria bianca. Che poi non è una vera e propria ricetta ma un procedimento. L’ intenzione è quella di esaltare i sentori floreali e fruttati di questo vino per poterlo riproporre in una cena estiva, magari in famiglia, e perché no, come aperitivo per ‘aprire’ il dialogo.

 

iseldo1

INGREDIENTI

  • 1 bottiglia di vino bianco frizzante
  • 1 mango
  • 10 fragole ( o fragoline di bosco)
  • 1 arancia

 

Lavate tutta la frutta e tagliatela a spicchi o a pezzetti.

Mettete tutti gli ingredienti in una caraffa, coprite e lasciate macerare per almeno un paio d’ore.

Prima di servirla aggiungete del ghiaccio.

Servitela in coppe capienti, con frutta come se piovesse.

Ottimo accompagnato con la focaccia (avete assaggiato la mia superfocaccia?), la pizza ma anche col pesce bianco, i formaggi freschi e le verdure.

La Sangria è un modo decisamente fresco e divertente per servire del vino e per contrastare la calura. La sangria bianca è un must dell’estate e un modo creativo soprattutto se abbinata con frutti estivi come il melone, l’anguria e frutta esotica.

Bevi sempre responsabilmente.

In collaborazione con Vini Iseldo Ancestrale

STAY ROCK & LOVE YOUR FAMILY

Il più bel regalo da fare ad una madre di una figlia preadolescente

Da quando una donna decide d’essere madre servirebbe in dotazione una serie di kit di sopravvivenza. Si, perché all’inizio tutto sembra uno scoglio insormontabile: non dorme, non mangia, le coliche e così via.

Si stringe i denti, qualche pianto o periodi di depressione ma appena varcata la soglia dei 3 anni ci si fa l’abitudine, tanto che il più delle volte si pensa d’essere pronte a bissare con un fratellino o sorellina. Ormai abbiamo le spalle larghe (pensiamo)!
Poi c’è l’ ingresso nel mondo reale e sociale ossia la scuola materna. Qui iniziano gli scontri con le proprie aspettative e quelle del figlio. Il genitore che lo vede già ingegnere astronautico quando gioca con le costruzioni o manager al vertice di una multinazionale se gioca col tablet ed il figlio che invece vuol diventare un dinosauro, un supereroe o una Winx.

Madre figlia

Foto Web

Superato lo scoglio della materna si arriva alla scuola primaria. E qui ci si scontra con i voti. Ahi, certi voti fanno più male ai genitori che ai figli!
Insomma per noi genitori non è vita facile! Ma almeno ora dorme, parla e mangia autonomamente.
Ma il bello deve ancora arrivare…
Ed io ci sono appena arrivata. La preadolescenza. E qui si inizia a pensare profondamente al significato delle famigerate gioie e dolori.

Gilmore

Foto Web

Ho scoperto che oggi esiste la pre adolescenza per distinguerla dall’ adolescenza che può arrivare fino ai 30 anni ( aiuto!).

Un bel giorno, vostra figlia torna da scuola e non è più la stessa. Sembra posseduta da qualche male oscuro, è scontrosa , insopportabile e facilmente irritabile. Queste le prime avvisaglie. Le prime volte sono sporadici episodi, poi diventano quotidianità.

Qua entra in gioco la pazienza. Se pensavate di aver raggiunto il culmine durante le notti insonni presi a consolare il pianto inconsolabile di vostro figlio, sappiate che l’adolescenza è ben richiede un’adeguata pratica di training autogeno. Già perché vostro figlio/a ora parla, si esprime e talvolta colpisce ed affonda.

La mamma che finora aveva il predominio sulla vita del figlio ora deve arretrare. L’ unica attenuante è pensare che non è del tutto colpa sua. È fisiologico. Povera, saranno le prime scariche ormonali ed io da donna dovrei essere pienamente solidale e comprensiva. Le dico “tesoro, non sei tu che parli ma gli ormoni, col tempo imparerai a gestirli”.

Non nascondiamoci dietro ad dito! Crescere un figlio richiede fatica e dedizione!

Ogni giorno è diverso.Un giorno può essere buono, il giorno seguente no. Addirittura può accadere che giorni l’umore sia variabile e mutevole a distanza di ore! Certo é che in questo periodo i ragazzi trascorrono una fase di continuo cambiamento e di conseguenza cambia la loro relazione con noi genitori.
Non vorrei aver drammatizzato troppo, i veri problemi son ben altri. Ma quello delll’adolescenza è di certo il periodo più bello ed insieme il più brutto, dai forti contrasti e dalle contrastate emozioni.

L’ unico argomento a cui ci si può aggrappare è l’amore ed il rispetto (ed alla fatica che avete fatto per giungere fino a questo punto). L’ adolescenza è una fase della vita, passerà. Bisogna solo tener duro.
Il regalo più bello che potreste fare ad una mamma di un’ adolescente è proprio un kit di sopravvivenza, un manuale che indichi le parole esatte, i toni giusti comprese le inflessioni con cui dialogare con tua figlia che piano piano diventa sempre più sfuggevole.

Però un manuale non esiste e mai esisterà perché, sebbene alcuni tratti possano essere simili, ogni ragazzo è unico a se stesso, come lo è ogni genitore.

Non resta altro che resistere.

STAY ROCK & STRONG 💜💙💛

Se vi è piaciuto questo post o se avete consigli, strategie o commenti lasciate il vostro parere qui sotto.

Un incontro naturale e spontaneo: beauty attack

Sono dell’idea che le migliori occasioni, incontri e eventi accadano in modo naturale e spontaneo. O perlomeno, affinché siano autentiche, debbano essere spontanee, non premeditate e non troppo pensate. A volte il troppo pensare logora le cose belle.

Oggi vi scrivo di un incontro spontaneo e naturale, che ha portato alla realizzazione di un beauty attack. Vi racconto dell’incontro tra Kartika Luyet e Mathilde Thomas. Kartika, co-fondatrice di Kure Bazaar, marchio internazionale di smalti glam ed ecologici. Mathilde, fondatrice di Caudalie. Entrambe unite ed impegnate quotidianamente nella realizzazione del loro sogno: permettere alle donne di essere belle nel modo più naturale possibile.

Vi scrivo di questo incontro perché credo fortemente nella collaborazione e cooperazione tra donne. Purtroppo difficile da incontrare, soprattutto nei posti lavorativi ma io sono positiva e ancora ci credo. Scrivo perché credo nella bellezza autentica che rispetta l’ambiente che ci circonda . Ogni donna che acquista un trattamento Caudalie contribuisce alla salvaguardia del pianeta e sostiene la lotta contro la deforestazione, la protezione delle specie animali in via d’estinzione e la promozione di un’economia sostenibile per aiutare le popolazioni locali (dal 2012 sono stati piantati 2.500.000 alberi in Perù, Brasile, Thailandia, Indonesia e Stati Uniti). Caudalie è membro dell’ associazione “1% for the Planet” e devolve l’ 1% del proprio fatturato mondiale ad associazioni per la tutela dell’ ambiente.

Quest’ incontro, naturale e spontaneo, ha portato alla realizzazione di 3 cofanetti in metallo in edizione limitata. Il tema è il rosa e l’uva. All’interno infatti potete trovare uno dei 3 prodotti principali della linea Vinosouce di Caudalie ( Sérum S.O.S Desalterant, Crème Sorbet Hydratante e Fluide Matifiant Hydratant) abbinato ad uno smalto ecologico Kure Bazaar in regalo.

Questo è il mio preferito. Preferito perché adoro questa tonalità di smalto ( nel tempo ho sviluppato una dipendenza per tutto ciò che è rosso). Preferito perché gli altri due cofanetti mi sono stati “sequestrati”. Uno da mia figlia, che ha optato per la Crema idratante effetto Mat per la sua pelle tendente al grasso e lo smalto dark pink. Il terzo, da mia madre, che ha scelto il Sorbetto Idratante e lenitivo abbinato allo smalto rosa delicato. E ditemi voi se questa non è cooperazione tra donne!

caudalie

Sérum S.O.S Desalterant

Perché scegliere la gamma Vinosource? Perché all’ interno troverete la formula naturale e ricca dell’ Acqua d’uva bio e di Polifenoli di vinaccioli d’ uva antiossidanti.

Tutto inizia con la raccolta dei grappoli d’uva dai vitigni Merlot e Muscat bio delle regioni del Gard e dell’ Hèrault, rinomati per la loro esposizione al sole e quindi per la ricchezza dei loro frutti 100% bio ( senza OGM, senza pesticidi). L’ uva raccolta nei primi giorni della vendemmia viene pressata e distillata con un processo a bassa pressione esclusiva Caudalie, in cui l’acqua viene separata dal succo d’uva. Tutto ciò per ottenere un’ acqua d’ uva 100% pura e attiva.

caudalie2

Crème Sorbet Hydratante

Sulla pelle si traduce in effetto superidratante ma allo stesso tempo lenitivo. Applicando una crema della gamma Vinosource si ha infatti una sensazione di leggera ma continua idratazione. Non si ha la sensazione di ‘mascherone’ bensì di un leggero senso di benessere.

caudalie

Fluide Matifiant Hydratant

Che sia per noi stesse, per un’ amica o per la nostra mamma, gli incontri naturali e spontanei danno sempre vita a forme meravigliose.

STAY ROCK & BEAUTY

in collaborazione con @Caudalie