Chips di mele alla cannella

I regali sono la parte che preferisco del Natale. E non nascondo il fatto che riceverli sia piacevole ma molto di più mi affascina donarli. Mi piace l’idea di dedicare tempo a persone a cui tengo. La scelta, la preparazione, l’incartamento di un regalo richiedono tempo. E in un periodo dove il tempo sfugge veloce, fermarsi per pensare e preparare qualcosa da donare è un gran lusso.

E a me piace regalare un piccolo lusso.

Ecco un’idea regalo homemade che richiede tempo e pazienza, creata con la collaborazione di Mela ValVenosta ( potete trovare la mia prima ricetta qui) .

Ingredienti:

  • 2 mele Red Delicious ValVenosta
  • 2 mele Golden ValVenosta
  • succo di un limone
  • cannella in polvere

Con una mandolina affettate le mele lavate (spessore circa 4 mm) e immergetele in un recipiente con dell’ acqua in cui avrete aggiunto il succo di un limone.

Ora avete due strade:

– se avete un essiccatore (attrezzo molto utile in cucina per un’alimentazione naturale)  disponete le mele sui vassoi senza sovrapporle, cospargetele con cannella e fatele essiccare per 14 ore a 50 gradi ( se volete l’effetto croccante aggiungete 1 ora a 65 gradi). Con questo metodo le mele conservano appieno la naturalità e la bontà in esse contenute.

oppure

– in forno, stendete le mele su carta forno ,avendo cura di asciugarle con carta assorbente, cospargetele con la cannella e infornate a 90 gradi per 2/3ore finché le chips saranno secche ma ancora  leggermente morbide. (Lasciate aperto lo sportello del forno con un cucchiaino per far uscire l’ umidità delle mele).

Lasciatele raffreddare e chiudetele in un contenitore ermetico o in una scatola di latta.

Pronte da donare o sgranocchiare.

img_6526

#ROCK MY KITCHEN ❤️💛

 

Vellutata di mele e barbabietole con crème fraiche

È arrivato il tempo delle mele. E con loro anche le prime nebbie ed i primi freddi. Ognuno cerca nella propria tana qualcosa di caldo che possa dar conforto. C’è chi non molla il pigiama di flanella, chi ‘guai se il camino non è acceso’ e chi come me si rifugia nelle calde e confortevoli zuppe.

Le zuppe, le vellutate e le creme…solo a nominarle si attiva l’ Autumn mood ON.

Ecco la mia proposta che grazie alla collaborazione con mela ValVenosta presto potrete trovare  su blog.melavalvenosta.com

INGREDIENTI (per 2/3 persone)

  • 1 mela Red Delicious Valvenosta
  • 1 mela Golden Valvenosta
  • 1 barbabietola grossa cotta
  • 1 cipolla piccola
  • 2 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • 300 ml di brodo vegetale
  • sale e pepe

In un tegamino fate appassire a fuoco basso, per 10 minuti, la cipolla affettata e l’olio, avendo cura di coprire con un coperchio . Sbucciate la mela Golden Valvenosta e tagliatela a cubetti. Tagliate anche la barbabietola ed unite il tutto nel tegame.img_6450

Salare e pepare. Fate cuocere aggiungendo il brodo vegetale finché sia la barbabietola che la mela saranno morbide (circa 30 minuti). Nel frattempo estrarre il succo della mela Red Delicious ( io uso un’estrattore ma se non l’avete va bene anche la polpa grattugiata) ed aggiungerlo nel tegame.

img_6452

Togliete dal fuoco e con un frullatore ad immersione frullate.

Lasciare riposare per almeno 6 ore ( vi assicuro che anche tiepida è squisita).

img_6473

Servire con crème fraiche , germogli di barbabietola ed accompagnare con crostini al forno.

#ROCK MY KITCHEN 💛❤️

Crème fraiche o Sour cream homemade

Vi è mai capitato di leggere una ricetta, trovarla buonissima, decidervi di mettersi all’opera e…fermarvi davanti ad ingredienti come crème fraiche? Sour cream o panna acida?

Don’t worry, siete in ottima compagnia!

Panna acida, crème fraîche e sour cream sono solo tre nomi diversi che individuano lo stesso prodotto alimentare. La differenza dipende dalla provenienza. Infatti panna acida è il nome italiano, crème fraîche quello francese e sour cream il nome americano.Viene utilizzata come salsa di accompagnamento per vari piatti: dalle carni, al pesce, alle verdure e anche nei dolci.

Ecco la ricetta per preparare a casa la crème fraiche:

  • 100 ml di panna da cucina
  • 100 ml yogurt bianco
  • 1 cucchiaino di succo di limone

In una ciotola mescolate i tre ingredienti, coprite con la pellicola e mettete in frigorifero per 1 ora.

Si conserva per un paio di giorni, ben chiusa in frigorifero.

img_6506

La Superfocaccia

Novembre sarà il mese dei progetti. Progetti che prendono inizio e progetti che si concludono con splendide sorprese. Ma ancora non svelo niente come fanno le foodblogger, quelle vere!😆

Ho grandi aspettative per Novembre! Novembre è il mio mese, mi dà la carica, l’energia e la vitalità.

E, last but not least, il mese del mio compleanno. Puntualmente, ogni anno, nello stesso giorno arriva e mi sveglio con un anno in più…Argh!!!

Il regalo però lo faccio io a voi. E spero sia cosa gradita. Sto per svelare la ricetta della  Superfocaccia!

Battezzata così dai miei pargoli, non ricordo bene a che anno risale e, ahimè, non sono nemmeno sicura della fonte originale (forse forse Anice e Cannella che con i lievitati è fantastica ). La cosa certa è che questa focaccia è super! Super soffice all’interno, super croccante all’esterno, super buona dentro e fuori.

È super anche perché, per me, rientra nella categoria ‘ricette col cuore’. Quelle ricette che leghi a ricordi importanti e che rispolveri solo ad eventi selezionati. Quelle ricette che ci metti non solo gli ingredienti ma il cuore stesso. Che mentre le prepari pensi a coloro che l’assaggeranno e che, nonostante richiedano tempo e pazienza, sai che ne varrà la pena.

INGREDIENTI:

  • 1 kg di farina 0
  • 300 gr yogurt greco
  • 500 gr acqua a temperatura ambiente
  • 20 gr sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 noce di strutto
  • 4 cucchiai di olio d’oliva extravergine
  • 1 cubetto di lievito di birra ( 25 gr)

Se avete un’ impastatrice il gioco è fatto, altrimenti si può fare benissimo a mano ma armatevi d’olio di gomito.

Fate sciogliere il lievito nell’acqua con lo zucchero e mettete nell’ impastatrice. Aggiungete poco alla volta lo yogurt. Impastate per circa 20 minuti poi aggiungete il sale, l’olio e lo strutto. L’ impasto deve presentarsi morbido, liscio, molto elastico e non appiccicoso.

Trasferite l’impasto in una ciotola, coprite con la pellicola e fate lievitare in forno spento con la lampadina accesa per circa 1 ora e 45 minuti.

Stendete l’impasto nella leccarda ben oliata senza lavorarlo troppo e lasciatelo lievitare per altri 30 minuti.

Nel frattempo preparate un’emulsione con acqua (6 cucchiai) e olio (6 cucchiai) . Versatela sulla focaccia e spargete del sale grosso sulla superficie. Infornate a 200 gradi per 35/40 minuti. Controllate che la superficie sia dorata.

img_6343

Se dovesse avanzare, vi assicuro che, coperta con la pellicola, è molto buona anche il giorno dopo.

#SPREAD LOVE ❤️💜💛