Breve guida pratica per sopravvivere ai gruppi WhatsApp

Siamo nel pieno dell’ era tecnologia. Tanti passi sono stati fatti e chissà quanti ancora se ne dovranno fare ( decidete voi se poi sono passi in avanti oppure no).

Negli ultimi decenni siamo stati travolti da una continua serie di novità tecnologiche che ci hanno senza giri di parole sommersi in una marea di termini, procedure e istruzioni che dovrebbero risolverci la vita. O perlomeno rendercela più facile.

Il fatto è, e parlo della mia generazione, che nessuno ci ha mai istruito all’ uso di questi super fantasmagorici strumenti. Più o meno, intendo in modo più o meno deduttivo, tutti ci siamo arrivati. Tutti, chi prima, chi poi, ne fanno uso.

Ma quanto ne sappiamo veramente?
E sappiamo educare i nostri figli ad un uso intelligente e considerato di questi mezzi al fine che possano realmente agevolare la caotica vita quotidiana piuttosto che complicarcela?
Educare i nostri figli?
Ma a noi chi ci insegna?

Ecco, ai primogeniti sta tutto sul groppone, il duro lavoro dell’apripista …

E poi basta una sola sera, dove WhatsApp s’ inceppa per creare ansie, arrabbiature e titoloni in prima pagina ( io sono tra coloro che manco se ne sono accorti).

Sulla tecnologia, web e social network si potrebbe andar avanti a discutere a ruota libera. Senza giungere a conclusione tra l’altro. Quindi vengo al dunque.
Ecco qui di seguito i miei escamotage per sopravvivere ai gruppi WhatsApp.

  • Decluttering. Come insegna Marie Kondo nel suo libro ‘Il magico potere del riordino’ bisogna buttare ciò che non è necessario (serviva davvero un libro per arrivarci???). Eliminiamo, anzi abbandoniamo tutti quei gruppi che riteniamo non esserci utili. Una volta finii in un gruppo di prodotti venduti porta a porta. Non ero interessata al prodotto, salutai, ringraziai e abbandonai. ( Ricordarsi la gentilezza e le buone maniere anche nei social non è cosa da poco; se vuoi essere ribelle, sii gentile!).
  • Silenziare. È lo strumento più utile di WhatsApp . Silenziare le chat nel rispetto dei nostri padiglioni uditivi e di quelli di chi ci sta attorno. Io appena entro in un gruppo silenzio immediatamente per 1 anno intero.
    Scegliere e decidere quando dedicarsi alla lettura dei messaggi in un paio di momenti al giorno . Ricordiamo che siamo noi a gestire WhatsApp e non il contrario. Scegliere il momento giusto per ‘dedicarsi’ é una delle libertà che ci rimane, teniamocela stretta. Il rischio, sappiatelo, è di spaventarsi guardando la notifica con centinaia di messaggi ma vi assicuro che gran parte saranno solo emoji .Io, in genere, leggo i messaggi dei gruppi prima di andare a letto. E se qualcuno dovesse avere l’urgenza di sentirmi che mi chiami pure (o mi mandi un messaggio privato).

Rimangono solo i gruppi utili. Ora, non sta a me istruire sull’ utilizzo. Ma vi scrivo come io mi comporto per sopravvivere a discussioni di gruppo.

  1. Sempre meglio evitare discussioni scritte. Per la serie ‘scripta manent, verba volant’. Ricordiamoci che in un gruppo tutti leggono, tutti pensano, qualcuno sparla.
  2. Attenzione! Su WhatsApp anche verba manent .Quindi evitiamo discussione vocali. Ohh, sui messaggi vocali avrei da dirne! Se ti scrivo un messaggio é proprio perché non posso parlare ( o ascoltare!) Io, comunque , sono per il confronto reale, magari davanti a un buon tè con gli scones…
  3. WhatsApp serve per comunicare? Bene comunico l’ informazione e stop. Non tiriamola per le lunghe, c’è una vita là fuori. Io sono per la praticità. Se voglio esprimere un concetto lo scrivo in 1 messaggio (non troppo lungo), non in 10 messaggi a singhiozzo. Evviva la sintesi e la praticità!
  4. Devo organizzare una festa/cena ? Bene! Creo il gruppo. Organizzo. E lo elimino.

Questo è il mio kit di sopravvivenza ma se avete altri consigli e/o escamotage da aggiungere sono sempre ben accetti. Lasciatemi un commento qui sotto e sarò lieta di aggiungerli alla lista.

Se siete madri (o padri) di figli alle prese con la scuola primaria provate a leggere questo divertente post di Your Education e vedete un pò se vi riconoscete o riconoscete qualche altra mamma.
STAY ROCK & EASY 💚💙💛

Rispondi