In vino veritas. Storie di famiglie e di una sangria bianca

Diciamo la verità! La vita senza del buon vino non sarebbe rock!

Il primo ricordo che ho del vino risale a mio nonno. A lui piaceva il vino rosso, rigorosamente rosso, quel rosso così scuro e pregno che anche una sola goccia bastava a rovinare il bianco candido del corredo ricamato della nonna.

Oggi però non vi racconto la mia verità. Ma la verità della famiglia Maule. Iniziando dalla storia di Nonno Iseldo e Nonna Lieta. Dai loro racconti di vita, d’esperienza e di vino. Da questa esperienza nasce l’idea di riproporre l’ Ancestrale Col Fondo o come diceva nonno Iseldo “Vin Turbio”, un vino non vecchio ma vintage.

La storia di cui vi sto parlando è il frutto di un progetto familiare, che ha potuto realizzarsi grazie alla collaborazione di una solida famiglia. Mi sembra di immaginarli, la famiglia al completo seduta ad un tavolo apparecchiato con semplicità e maestria, ricco di prelibatezze del luogo accompagnate da brocche d’acqua fresca e bottiglie di buon vino.

Ecco la famiglia Maule seduta a raccontarsi ed a raccontare.

E solo dal dialogo possono nascere progetti ed idee dal sapore vivace ed equilibrato. Proprio come l’ Iseldo Ancestrale col fondo.

Questa immagine di famiglia mi ha ispirato la ricetta della sangria bianca. Che poi non è una vera e propria ricetta ma un procedimento. L’ intenzione è quella di esaltare i sentori floreali e fruttati di questo vino per poterlo riproporre in una cena estiva, magari in famiglia, e perché no, come aperitivo per ‘aprire’ il dialogo.

 

iseldo1

INGREDIENTI

  • 1 bottiglia di vino bianco frizzante
  • 1 mango
  • 10 fragole ( o fragoline di bosco)
  • 1 arancia

 

Lavate tutta la frutta e tagliatela a spicchi o a pezzetti.

Mettete tutti gli ingredienti in una caraffa, coprite e lasciate macerare per almeno un paio d’ore.

Prima di servirla aggiungete del ghiaccio.

Servitela in coppe capienti, con frutta come se piovesse.

Ottimo accompagnato con la focaccia (avete assaggiato la mia superfocaccia?), la pizza ma anche col pesce bianco, i formaggi freschi e le verdure.

La Sangria è un modo decisamente fresco e divertente per servire del vino e per contrastare la calura. La sangria bianca è un must dell’estate e un modo creativo soprattutto se abbinata con frutti estivi come il melone, l’anguria e frutta esotica.

Bevi sempre responsabilmente.

In collaborazione con Vini Iseldo Ancestrale

STAY ROCK & LOVE YOUR FAMILY

Rispondi