alt=gelato more

Gelato alle more e latte di mandorle (senza gelatiera)

Se imparassimo a seguire la stagionalità del cibo scopriremmo che Luglio è il mese delle more. Io l’ho scoperto la scorsa settimana.

Com’è vero che spesso non riusciamo a vedere le cose al di là del nostro naso! Per esempio, la scorsa settimana sono andata a scoprire un’ azienda agricola che  si trova a 300 metri da casa. Chissà quante volte ho percorso quella strada. Quante volte ho visto filari di mirtilli e  lamponi. Quante volte mi sono ripromessa di entrarci. E niente, la solita questione del tempo. Vi ricordate il post sullo Slow beauty? Ecco bisognerebbe imparare a prendersi del tempo anche per ritagliarsi delle semplici e squisite esperienze.

Comunque l’ azienda che ho visitato si chiama I 3 Faggi ( vediamo se riesco a trovare un link …ah sì! eccolo Azienda agricola i tre faggi ) e produce zafferano purissimo in stimmi ( di questo se ne riparla ad Ottobre) e piccoli frutti. Lamponi, fragole, more , mirtilli ,ribes (nero, rosso e bianco) ed anche le ormai famosissime bacche di Goji!.

alt=ribes

Io ho fatto incetta di more perché come vi ho scritto, Luglio è il loro mese (Non vi dico quanto siano buone appena raccolta dal rovo!) . E perché già mi frullava in testa l’ idea del gelato alle more.

alt=more

gelato alle more con latte alle mandorle

  • 300 gr more 
  • 300 gr latte di mandorle (qui la mia versione homemade
  • 100gr zucchero semolato
  • succo di mezzo limone

Per realizzare questa ricetta non avete bisogno della gelatiera ma di un potente frullatore ( Bimby, Vitamix vanno benissimo).

Congelate le more ed il latte di mandorle in freezer.

alt=latte mandorle

Tritate lo zucchero a velo. Aggiungete le more e tritate insieme. Tirate fuori dal freezer qualche minuto prima il latte mandorle e aggiungetelo al composto. Tritare finché non avrete ottenuto un composto omogeneo ( circa 1 minuto).

alt= gelato more

Guarnite con meringhette e granella di pistacchio ( in questo modo i semini delle more non daranno fastidio a chi è ‘particolarmente sensibile’ ).

alt=gelato more

Servite subito.

STAY ROCK & FRESH

Crostata al grano saraceno, pesche e mandorle

In questo periodo le mie batterie sono scariche. Gli impegni si accumulano tutti nell’arco delle 24h, la testa ormai è in modalità VACANZA e caldo e zanzare arrivano a peggiorare la situazione. Non so voi ma il caldo mi distrugge! Mi manca il mio adorato Autunno, con la sua aria pungente ed il piumone sul letto. Mi dico “Resilienza! Passerà ”

Certo che se il caldo fosse accompagnato da una fresca brezza, un mare cristallino e un cocktail ghiacciato…bè , attendere l’arrivo dell’autunno sarebbe più tollerante.

Eccomi allora a sfornare torte. Sfornare mi rilassa e sudare per il forno acceso, di sicuro, vale più la pena che sudare nel non far nulla.

INGREDIENTI:

  • 100 gr burro a temperatura ambiente
  • farina di grano saraceno/ integrale ( circa 250 gr ma andate ad occhio finché il composto risulta omogeneo; il grano saraceno rende l’impasto più friabile rispetto alla farina integrale)
  • 2 uova
  • estratto di vaniglia
  • 70 gr zucchero
  • 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
  • 1 cucchiaino di latte
  • un pizzico di sale

RIPIENO

  • pesche 3/4
  • una manciata di mandorle ( vi ricordate quanto fanno bene alla nostra pelle?)
  • 4 cucchiai di sciroppo d’acero
  • Semi di cardamomo

Spegnete il bicarbonato di sodio con il latte poi aggiungetelo alle uova, al burro, alla vaniglia, allo zucchero ed al sale. Impastate ed aggiungete un po’ alla volta la farina finché l’impasto avrà una consistenza omogenea. Chiudete nella pellicola e fatelo riposare in frigorifero per mezz’ora.

Crostata al grano saraceno

Lavate e tagliate a spicchi le pesche e conditele con lo sciroppo d’acero, il cardamomo e le mandorle ( già così potrebbero essere una golosa macedonia estiva! )

Crostata al grano saraceno

Accendete il forno a 160 gradi.

Stendete l’ impasto in una tortiera ( se avete usato il grano saraceno l’ impasto risult più friabile), bucherellate il fondo con una forchetta e coprite con le pesche e le mandorle.

Con l’impasto avanzato create delle decorazioni.

Infornate per 40 minuti.

Servite con una pallina di gelato alla vaniglia e godetevi la frescura.

Crostata al grano saraceno

STAY ROCK & HOT 🔥🔥🔥

 

Il segreto beauty delle mandorle

La frutta secca è una delle mie passioni. E’ versatile e gustosa (avete mai provato il latte di mandorle rosa?).  Io la aggiungo ad ogni piatto: negli smoothies, nelle insalate, sulla pasta, nelle salse, … Ed oltre ad avere dei sapori favolosi, la frutta secca fa anche benissimo al nostro corpo.

Molti infatti pensano alla frutta secca con diffidenza poiché contiene un alto contenuto di grassi. Ma i grassi contenuti nella frutta secca sono i cosiddetti “grassi buoni“. Contengono inoltre una grande quantità di proteine vegetali, vitamine e sali minerali. Per un approfondimento nutrizionale vi rimando a questo sito, ecco cosa succede al nostro corpo se mangiamo ogni giorno 30 grammi di mandorle.

Ma se ormai è risaputo quanto faccia bene la frutta secca per le sue proprietà nutrizionali, forse, tanti non conoscono ancora le sue proprietà beauty.

La frutta secca, ho scoperto, è un toccasana per purificare la pelle, rinforzare le unghie e avere capelli lucidi e forti. La vitamina E di cui sono ricchissime le noci, le mandorle, e gli anacardi… contribuiscono a rendere più luminosa la nostra pelle.

Inoltre hanno un alto contenuto di calcio che è indispensabile per la salute e la bellezza dei nostri denti ( e ossa).

L’ unico consiglio è acquistarla al naturale, ossia senza aggiunta si sale e tostature.

Vi scrivo la ricetta per un ottimo burro di mandorla che potrete spalmare su toast a base di frutta, aggiungere ad un gustoso smoothies o, perché no, mangiare a cucchiaiate!

burrodimandorle

INGREDIENTI (per un vasetto piccolo)

  • 200 gr mandorle
  • un pizzico di sale

Tostare le mandorle in forno a 200° per 10 minuti. Lasciarle raffreddare e inserirle in un robot da cucina molto potente ( io ho usato il Bimby). Salare ed azionare il robot per una decina di minuti fermandolo di tanto in tanto per rimestare le mandorle che si attaccano alla parete della ciotola. Il composto dovrà risultare cremoso.

Conservare in un barattolo a chiusura ermetica per circa una settimana.

toastburrodimandorle

STAY ROCK & BEAUTY

 Condividi questa ricetta con gli amici

sui tuoi social preferiti

e lascia un commento o un like qui sotto se ti è piaciuta!